Cosa ti ricorda amore mio…

 

Amore Disperato

 

Sembra un angelo caduto dal cielo
com’e’ vestita quando entra al “Sassofono Blu”
ma si annoia appoggiata a uno specchio
tra fanatici in pelle che la scrutano senza poesia
sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo
sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo tempo

 

Una sera incontro’ un ragazzo gentile
lui quella sera era un lampo e guardarlo era quasi uno shock
e tornando, e tornando, e tornando, e tornando
e tornando, e tornando, e tornando, e tornando a casa

 

Rit: Lei ballera’ tra le stelle accese
e scoprira’, scoprira’ l’amore
l’amore disperato

 

Dopo quella volta lei lo perse di vista
disperata lo aspetta ogni sera al “Sassofono Blu”
una notte da lupi lei stava piangendo
quella notte il telefono strillo’ come un gallo
sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando
sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando lui

 

Sembra un angelo caduto dal cielo
quando si incontrano toccarsi e’ proprio uno shock
e tremando, e tremando, e tremando, e tremando
e tremando, e tremando, e tremando, e tremando forte

 

Rit: Lei ballera’ tra le stelle accese
e scoprira’, scoprira’ l’amore
l’amore disperato

HO IMPARATO TANTO DA QUESTA POESIA……

Ecco alcune delle cose che ho imparato nella vita :

  • Che non importa quanto sia buona una persona,ogni tanto ti ferira’. E per questo bisognera’ che tu la perdoni.
  • Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi perdistruggerla.Che non dobbiamo cambiare amici,se comprendiamo che gli amici cambiano.
  • Che le circostanze e l’ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi.Che o sarai tu a controllare i tuoi atti,o essi controlleranno te.
  • Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto cio’ che era necessario fare, affrontandone le conseguenze.
  • Che la pazienza richiede molta pratica.
  • Che ci sono persone che ci amano,ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo.
  • Che solo perche’ una persona non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto se stesso.
  • Che non sempre e’ sufficente essere perdonati da qualcuno. Nella maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso.
  • Forse Dio vuole che incontriamo un po’ di gente sbagliata prima di incontrare quella giusta, cosi’ quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.
  • La miglior specie di amico e’ quel tipo con cui puoi stare seduto in un portico e camminarci insieme, senza dire una parola,e quando vai via senti come se e’ stata la miglior conversazione mai avuta.
  • Ci vuole un minuto per offendere qualcuno,un’ora per piacergli,e un giorno per amarlo,ma ci vuole una vita per dimenticarlo.
  • Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perche’ ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia.
  • Ci sono momenti nella vita in cui qualcuno ti manca cosi’ tanto che vorresti proprio tirarlo fuori dai tuoi sogni ed abbracciarlo davvero !
  • Sogna cio’ che ti va’, vai dove vuoi,sii cio che vuoi essere, perche’ hai Solo una vita e una possibilita’ di fare le cose che vuoi fare.
  • Mettiti sempre nei panni degli altri.Se ti senti stretto, probabilmente anche loro si sentono cosi’.
  • L’amore inizia con un sorriso,cresce con un bacio e finisce con un the.
  • Il miglior futuro e’ basato sul passato dimenticato, non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e i tuoi dolori.
  • Quando sei nato, stavi piangendo e tutti intorno a te sorridevano. Vivi la tua vita in modo che quando morirai, tu sia l’unico che sorride e ognuno intorno a te piange.

PAULHO COELHO   “Le cose che ho imparato nella vita”

L’AMORE E’

  • BACIARSI SOTTO LA PIOGGIA
  • FARSI UNA FOTO COL CELLULARE
  • CUCINARE ASSIEME
  • FARE UN VIAGGIO ASSIEME
  • PROTEGGERSI L’UN L’ALTRO
  • FARE LA SPESA
  • BACIARSI DAVANTI AL TRAMONTO
  • GUARDARE LA TV ABBRACCIATI
  • ANDARE IN MOTORINO
  • ESSERE COMPLICI
  • GUARDARE IL PANORAMA
  • DORMIRE ASSIEME
  • CORRERE QUALCHE RISCHIO
  • RISCALDARSI A VICENDA
  • AVERE UN SOGNO IN COMUNE
  • FARSI ABBRACCIARE SOLLEVATA

La Rosa Bianca

La regina, mi ha dato questa, la mattina che si avvio’ al patibolo, disse che l’aveva fatta pensando ad oscar con della stoffa che aveva trovato nella cella.

Prima di lasciarmi disse queste parole : << Rosalie vi prego vorrei che coloraste quasta rosa per me, con il colore preferito da oscar>>

Ti assicuro alain che rimasi molto sorpresa, in tanti anni passati con madamigella Oscar, non le avevo mai chiesto di che colore preferiva le rose.

<< Vedi, questo non lo so nemmeno io >>
ma Andre’ avrebbe certo detto : << Le rose bianche >>
<< Allora,allora la lascero’ cosi’>>
<< si credo sia meglio >>

Lady Oscar 14 Luglio 1789

In ricordo di toby

TOBY DORME

 

Quando se ne va un cane, se ne vanno lembi della nostra pelle e restano peli attaccati ai maglioni.
E l’impronta della testa e del muso nel concavo della nostra mano si leggerà al mattino e alla sera, la voce dell’abbaio e la coda frenetica rimbomberanno nel vuoto del nostro rientro incredibilmente silenzioso, senza ticchettio delle unghie sul pavimento né ululati di gioia.
E tutto tornerà in mente, i prati verdi dei parchi, le impronte sulla neve, le zampe sott’acqua che ci nuotano accanto. I bastoni lanciati, la sabbia nelle orecchie e nel naso, la conca sui cuscini del divano. Quando se ne va un cane, la ciotola rimane lì, e il guinzaglio è appeso inerte. Ci si guarda tra i piedi mentre si cammina in cucina, e non c’è più il guaito di una coda pestata per sbaglio. Ci si sente defraudati e spersi, e muti. Per quello poi si chiacchiera a vanvera, di cose che non ci importano granché, purché ci distolgano dall’assenza del corpo caldo e peloso sdraiato e addormentato sulle nostre gambe o sulle nostre scarpe mentre guardiamo il telegiornale.
Quando un cane se ne va, piangiamo sangue, senza ritegno né controllo, senza l’ambivalenza di ciò che conserviamo alla morte di un amato umano, carica di conflitti e litigi, tormento e passione di una vita intera. Al contrario, con lui conosciamo la purezza dell’amore che, quando un cane che se n’è andato, resta in noi. Ce l’ha offerta sempre senza esitazioni, regalata senza pause contenuta nel suo sguardo infinito, dolcemente vellutato, costantemente vigile che non si è mai abbassato incrociando i nostri occhi.
Quando se ne va un cane, realmente se ne va una parte della nostra vita.
Beppe Toches