La cicatrice del mio cesareo

2ntvkltCiao a tutti oggi vorrei parlarvi di un argomento che a me sta molto a cuore, non della cicatrice a sorriso che e’ il segno che Sara e’ nata ma del ricordo purtroppo brutto che ho riguardo al mio parto cesareo che all’inizio era programmato visto che la Sara era podalica e poi e’ diventato d’urgenza visto che la signorina ha deciso di rompere le acque un po’ di ore prima del previsto. Il cesareo e’ iniziato con le infermiere e il dottore che correvano da una parte all’altra decidendo il da farsi visto il parto incombente podalico, si e’ scelto per un cesareo d’urgenza contro il mio volere, anche perché’ avevo appena cenato. Sara ha rotto le acque alle 22 mentre chiacchieravo con la mia collega di stanza e dopo poco mi hanno portata sulla sedia a rotelle verso la sala monitoraggi che e’ prima delle sale operatorie. Nel frattempo e’ arrivato anche Marco che avevo avvisato tramite messaggio di correre che la stavano per far nascere, scendiamo assieme mi attaccano ad un monitoraggio per un po’ e intanto aspettiamo. Sara e’ nata all’ 1 di notte, fate conto che non mi ricordo niente solo che non respiravo durante il cesareo e ad un certo punto l’ho sentita piangere e ho detto eccola e’ lei. Me l’hanno messa sul seno e ha provato a ciucciare subito. Poco dopo ho iniziato a sentirmi male e a rimettere e i miei ricordi finiscono qui, siamo tornati in camera alle 6.00 del mattino, fate conto cosa ho passato, ce l’ho a morte con quel b……. che mi ha operata rovinandomi il ricordo che doveva essere il piu’ bello della mia vita. Non ho sentito niente, ne provato niente di contrazioni o dolori, sono sicura che e’ nata perché’ ho la cicatrice ma mi e’ stata portata via a forza contro il mio volere. A distanza di due anni e mezzo sto cominciando ad accettarlo ma per il prossimo ad ottobre voglio fare un Vbac = parto naturale dopo cesareo e nessuno me lo impedirà’.

un abbraccio Meme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *