Inps Bonus Bebé 2013: dal 1 luglio via alle domande

bonusbebeCiao a tutti

Oggi vi volevo parlare di una bella iniziativa che interessera’ a tutte noi mamme, ebbene si finalmente qualche cosa di positivo in nostro aiuto, dal 1 al 10 luglio 2013 sarà possibile far domanda all’INPS per l’erogazione di contributi da utilizzare per le spese relative a baby sitter e asili nido, pubblici o privati, come previsto dal Bonus Bebè. Le domande dovranno essere presentate direttamente dalle lavoratrici interessate, attraverso il portale dell’Istituto, oppure rivolgendosi ad un CAF convenzionato.
Ma vediamo un po’ meglio i dettagli del Bando.

Chi può usufruirne?
> le madri, anche adottive o affidatarie, lavoratrici (dipendenti o iscritte alla gestione separata) che siano ancora negli undici mesi successivi al termine del periodo di congedo di maternità obbligatorio;
> le lavoratrici (dipendenti o iscritte alla gestione separata) beneficiarie del diritto al congedo di maternità obbligatorio per le quali la data presunta del parto sia fissata entro il 10 novembre 2013;
> le lavoratrici che abbiano già usufruito in parte del congedo parentale; in questo caso, il contributo potrà essere richiesto per un numero di mesi pari ai mesi di congedo parentale non ancora usufruiti.

A quanto ammonta il contributo e quanto dura?
> il contributo, è pari a 300,00 euro mensili, che saranno erogati per un periodo massimo di sei mesi, in alternativa all’utilizzo del congedo parentale. Le lavoratrici part-time, vista la ridotta entità della prestazione lavorativa, potranno accedere al contributo in misura riproporzionata a seconda della loro tipologia, mentre le lavoratrici iscritte alla gestione separata potranno usufruirne per un periodo massimo di tre mesi.

Come viene erogato?
> il contributo per la fruizione della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati verrà erogato attraverso pagamento diretto alla struttura scelta.
> il contributo per il servizio di baby sitting verrà erogato attraverso il sistema dei buoni lavoro. I voucher potranno essere ritirati dalle lavoratrici presso la sede provinciale INPS individuata in base alla residenza o al domicilio dichiarato dalla madre nella domanda di partecipazione al bando, entro i quindici giorni successivi alla pubblicazione della graduatoria.

Da ricordare
> durante la presentazione della domanda si dovrà indicare se desidera usufruire dei voucher per baby sitter o dei contributi per il pagamento di asili nido; nel secondo caso si dovrà segnalare la struttura per l’infanzia (pubblica o privata accreditata) nella quale è stato iscritto il minore oggetto di domanda; una volta effettuata, la scelta della struttura non è modificabile, a eccezione di un eventuale cambio di residenza o dimora della madre lavoratrice o della variazione della sede di lavoro.
> per poter accedere al bando è necessario aver presentato all’INPS la dichiarazione ISEE del nucleo familiare, sulla base della quale sarà definita la relativa graduatoria; questa può esser presentata all’INPS in via telematica o, in alternativa, la lavoratrice potrà rivolgersi ad un CAF convenzionato, che provvederà direttamente alla compilazione e alla trasmissione.
> ai fini della presentazione della domanda, per accedere ai servizi online è necessario essere in possesso di un Pin “dispositivo” – diverso dal PIN online – che dovrà essere preventivamente richiesto, direttamente sul sito dell’INPS

Non vi sembra una cosa interessante ? Io ci provo e vediamo.

Un abbraccio Meme